Te vengo a cercà tra Napoli e Africa: ultimo singolo de La Maschera e Laye Ba

Due terre cocenti che ardono di passione e vitalità. Due terre colorate e difficili. Due terre geograficamente distanti, ma musicalmente molto vicine. Due terre che si fondono attraverso i suoni e le parole nell’ultimo singolo “Te vengo a cercà”della giovane band “La Maschera” e Laye Ba.

Un testo che risuona piacevolmente nelle orecchie e pompa nell’anima per il suo forte significato. Vi confesso che la canzone mi è piaciuta sin dal primo momento che l’ho ascoltata. Le parole ti conducono in Africa attraverso un viaggio mentale e di cuore e ti riportano a Napoli senza farti accorgere che ti sei allontanato. Un parallelismo tra Africa e Napoli per gridare che la diversità non separa, ma unisce.  Non esistono bandiere, ma solo tanti colori.

<“Te vengo a cercà” è il mio grido di gioia generato da un abbraccio – racconta Colella – ho scritto i versi “chest’è Napule e nun è Africa” perché ognuno è il Sud di qualcun altro. Perché quelle che ci spacciano per differenze in realtà non sono altro che paure. Perché in qualsiasi parte del mondo, di fronte a un figlio costretto a lasciare sua madreterra, nun se po’ sta fermi a guardare>.

 

Te vengo a cercà

Nioo booke faniuu diogue
Booke faniuuy deloo
Ngua am yaay ma am baay
Deret bi benela
Ngua am yaay ma am baay
Deret bi benela

Viento cavero che saglie
Tieni cumpagnìa ‘e criature
Puort’ lacreme e sudore
A chi cerca ‘e annasconnere ‘e culure
Leva ‘o peso d’ ‘a fatica
Je mo parto… nun me fa sentì ‘a paura

Nun m’ha visto nisciuno ‘int’ ‘o scuro
Faccia sporca ‘e na guerra addò niente è sicuro
E ‘int’ ‘a guerra ce vò cchiù curaggio a restà

Ah… chest’ è Napule e nun è Africa
Scinn’ ‘a copp’ ca nun può stà fermo a guardà
Nuje cantamme…
e ‘o stesso sole c’ abbrucia e ce fa ‘nnammurà
e pe’ quanto stu mare è tempesta je stanotte
te vengo a cercà

jamm laniuuy nian
moom laniuuy nian burbi yalla
xiro nguayogui
waruniuu thi sunu bir
xiro nguayogui
waruniuu thi sunu bir

fronne cadono e ‘o munno se sparte
tra chi è terra salata e chi è sciore che nasce
e ogni sciore, pe’ ammore s’ha da fa campà

Ma… chest’ è Napule e nun è Africa
Scinn’ ‘a copp’ ca nun può stà fermo a guardà
Nuje cantamme…
e ‘o stesso sole c’ abbrucia e ce fa ‘nnammurà
e pe’ quanto stu mare è tempesta je stanotte
te vengo a cercà

Insomma vi consiglio di ascoltarla perché sono sicura che vi piacerà!Faccio i miei complimenti ai ragazzi de La Maschera e Laye Ba perché hanno fatto un gran bel lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...