La Napoli poetica celebrata con la famosa “Era de Maggio”.

La Napoli poetica celebrata con  la famosa “Era de Maggio”.

La malafemmena vive il mese di Maggio, ispirandosi alla poesia Era de Maggio del grande Salvatore di Giacomo. Il mese di Maggio è il mese delle rose ed è  il periodo più bello per vivere la città sia per il clima sia per gli eventi culturali.  La malafemmena respira un’aria fresca che sa di fiori e di dolcezza. Ammira con emozione i turisti che affollano i luoghi dell’arte partenopei e attraversano i vicoletti che sono colorati dai panni stesi e dai fiori sui ballatoi dei palazzi. Dal lungomare c’è una vista mozzafiato e il sole bacia la città, regalandole un calore che sa di ammore.

Salvatore Di Giacomo scrisse la poesia “Era de Maggio“, messa in musica da Mario Costa e presentata a Piedigrotta nel 1885. E’ tra le più belle canzoni del repertorio classico napoletano ed è scritta in dialetto napoletano parlato dal popolo nell’800.

large

 

 

 

Era de Maggio

Eravamo a Maggio

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino

addurava de rose a ciento passe…

 

Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,

na canzone cantávamo a doje voce…

Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,

fresca era ll’aria e la canzona doce…

 

E diceva: “Core, core!

core mio, luntano vaje,

tu mme lasse, io conto ll’ore…

chisà quanno turnarraje!”

 

Rispunnev’io: “Turnarraggio

quanno tornano li rrose…

si stu sciore torna a maggio,

pure a maggio io stóngo ccá…

 

Si stu sciore torna a maggio,

pure a maggio io stóngo ccá.”

 

E só’ turnato e mo, comm’a na vota,

cantammo ‘nzieme lu mutivo antico;

passa lu tiempo e lu munno s’avota,

ma ‘ammore vero no, nun vota vico..

 

 De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,

si t’allicuorde, ‘nnanz’a la funtana:

Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje,

e ferita d’ammore nun se sana…

 

Nun se sana: ca sanata,

si se fosse, gioja mia,

‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,

a guardarte io nun starría !

 

E te dico: “Core, core!

core mio, turnato io só’…

Torna maggio e torna ‘ammore:

fa’ de me chello che vuó’!

 

Torna maggio e torna ‘ammore:

fa’ de me chello che vuó’!”

Era maggio e ti cadevano in grembo,numerosi grappoli di ciliegie rosse….Fresca era l’aria…. e l’intero giardino

profumava di rosa intensamente…..

 

Era maggio, io no, non posso dimenticarlo,

cantavamo una canzone a due voci ….. più

passa il tempo e più me lo ricordo,

fresca era l’aria e dolce la canzone…..

 

Ella diceva: “Cuore, cuore!

Cuore mio, te ne vai lontano,

tu mi lasci, io conteggio le ore….

Chissà quando ritornerai!”

 

Ed io rispondevo: “Tornerò

quando ritorneranno le rose….

Se questo fiore ritorna a maggio,

anche io a maggio sono qua……

 

Se questo fiore ritorna a maggio,

anche io a maggio sarò qua……

 

E son ritornato ed ora, come allora,

cantiamo insieme quel motivo antico;

Il tempo passa ed tutto intorno cambia,

ma il vero amore no, non cambia strada….

 

Di te, bellezza mia, m’innamorai,

se te lo ricordi, davanti alla fontana:

l’acqua, nella fontana, non finisce mai,

e la ferita d’amore non guarisce…..

 

Non guarisce: che se guarita,

se fosse guarita, mia gioia,

in quest’aria profumata

io non starei a guardarti!

 

E ti dico: “Cuore, cuore!

Cuore mio, io son tornato…

ritorna maggio e ritorna l’amore:

fa di me quello che vuoi!

 

Ritorna maggio e ritorna l’amore:

fa di me quello che vuoi!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...